a Torino pattinaggio

Inaugurazione del Palaghiaccio Massari

ingresso gratuito per tutti fino alle 17

Giorni e orari di apertura al pubblico dal 3 ottobre all’11 maggio

Lunedì Chiuso 
Martedì 14.30/16.30
Mercoledì 14.30/16.30
Giovedì 14.30/16.30
Venerdì 14.30/16.30 – 21.30/23.30
Sabato 15/17 – 17.15/19.15 – 21.30/23.30
Domenica 10/12-15/17 –17.15/19.15 – 21.30/23.30

Una grande pista aperta tutti i giorni, corsi – feste – eventi

       feste e animazioni sul ghiaccio
31 Ottobre ore 21.30 Halloween
28 Novembre ore 21.30 Fantasy party 
24 Dicembre ore 15 Natale on ice 
6 Gennaio ore 15.00 La festa della Befana
23 Gennaio ore 21.30 "Saturday night fever" festa ’60-’70-’80
20 Febbraio ore 21.30 Carnevale

Tariffe
da martedì a venerdì, ingresso € 5, noleggio pattini gratuito
venerdì sera, ingresso € 6, noleggio pattini € 4
prefestivi o festivi, ingresso € 6, noleggio pattini € 4

http://www.comune.torino.it/infogio/ric/2009/pub14156.htm

http://www.impiantomassari.it/

Annunci
Pubblicato su sport. Leave a Comment »

internet, spiare i dipendenti

da http://www.lastampa.it

25/9/2009 –
Le aziende non possono "spiare" la navigazione su Internet dei dipendenti
Il Garante della privacy ha vietato ad una società il trattamento dei dati personali di un dipendente e ha segnalato il caso all’autorità giudiziaria. La società aveva monitorato per nove mesi la navigazione on line di un lavoratore attraverso un software in grado di memorizzare "in chiaro", tra l’altro, le pagine e i siti web visitati, il numero di connessioni, il tempo trascorso sulle singole pagine. L’installazione di un software che traccia la navigazione in Internet del lavoratore viola lo Statuto dei lavoratori, che vieta l’impiego di apparecchiature per il controllo a distanza dell’attività dei dipendenti. La società non aveva neanche provveduto ad attivare le procedure stabilite dalla normativa qualora tale controllo fosse motivato da "esigenze organizzative e produttive".

affitto, proprietario e inquilino DIRITTI E DOVERI

SE SI VA IN AFFITTO, ecco casa bisogna sapere…

a locazione è regolamentata dall’articolo 1571 del codice civile e viene definita come un contratto con il quale una parte, il locatore, si impegna a concedere ad un’altra parte, il conduttore, il godimento di una cosa mobile o immobile per un dato tempo, dietro il pagamento di un determinato corrispettivo

Doveri del locatore (o proprietario) – art. 1575 codice civile

  1. Il locatore deve garantire e consegnare la casa in un buono stato di manutenzione. L’immobile non deve quindi necessitare di nessuna riparazione o altro intervento prima che l’inquilino vi entri;
  2. ha l’obbligo di farsi carico delle riparazioni che sono necessarie per mantenere il buono stato della casa e per garantirne l’idoneità per tutta la durata del rapporto di affitto, fatte salve solo quelle di piccola manutenzione, che sono a carico del conduttore;
  3. ha l’obbligo di farsi carico delle opere di manutenzione straordinaria richieste dalle condizioni in cui si trova l’immobile;
  4. ha l’obbligo di garantire all’inquilino il pacifico godimento della casa nell’ipotesi che qualcuno possa avanzare pretese sullo stesso;
  5. spetta sempre al proprietario l’adeguamento dell’immobile alle nuove disposizioni di legge, ogni volta che queste vengono emanate;  

Doveri del conduttore (o inquilino) – art. 1587 codice civile

  1. Il conduttore ha l’obbligo di servirsi della casa per l’uso determinato dal contratto e usando la “diligenza del buon padre di famiglia”;
  2. ha l’obbligo di pagare il corrispettivo periodico alla scadenza prestabilita, rispettando sempre le modalità di pagamento pattuite;
  3. ha l’obbligo di restituire la casa alla scadenza del contratto nello stesso stato in cui si trovava quando gli è stata consegnata;
  4. ha l’obbligo di rispondere della perdita e del deterioramento della cosa avvenute nel corso della locazione, anche se causate da un incendio, qualora non venga provato che siano accaduti per fatti non imputabili all’inquilino;
  5. in caso voglia apportare dei cambiamenti all’abitazione, l’inquilino deve chiedere il permesso al proprietario. Questo serve ad evitare che il proprietario, alla fine del contratto di locazione, pretenda che l’abitazione torni come era prima. A meno che non abbia chiesto, e ottenuto, preventivamente il consenso del proprietario, l’inquilino non ha il diritto di chiedergli il pagamento delle spese sostenute per i miglioramenti apportati;
  6. le riparazioni urgenti possano essere eseguite direttamente dal conduttore, salvo rimborso da parte del proprietario, purché gliene sia data contestuale comunicazione;

internet gratis a Torino con il wifi

La notizia è riportata dalla stampa di domenica 6 settembre 2009.

Il comune di Torino renderà possibile l’accesso wifi ad internet nelle principale piazze e vie di Torino e anche nei mercati  rionali.
Tex 97 si è aggiudicata l’appalto. sarà gratis la navigazione sui siti istituzionali e  a pagamento (forse a 2 euro l’ora) per navigare in altri siti.
ecco l’articolo

SERVIZI GRATIS Rete en plein air Dal 30 ottobre si naviga nei parchi
C’e’ la data. Dal 30 ottobre sara’ possibile navigare su INTERNET (gratis) dalle principiali vie e piazze storiche della citta’. Fra circa due mesi, dunque, sara’ possibile consultare la portineria telematica di Dagospia spaparanzati su un’aiuola dei Giardini Reali, rispondere agli amici di Facebook seduti su una panchina di piazza San Carlo, mandare una mail alla fidanzata dal mercato di corso Racconigi. A partire dall’autunno tutto questo sara’ possibile. Per soddisfare anche le esigenze dei fanatici del wireless all’aria aperta l’assessorato alle Tecnologie guidato da Domenico Mangone ha indetto una gara per rendere possibile la navigazione on line in diverse piazze storiche del centro e in alcuni parchi. «Il bando di service provider per la rete wi-fi in aree pubbliche della citta’ e’ partito il 22 dicembre – spiega Sandro Golzio, direttore della divisione Telematica e del Patrimonio di Palazzo civico -, a febbraio abbiamo avuto il nome dei vincitori (la Tex 97, ndr) e fra pochi giorni il servizio potra’ partire». Ma sara’ gratuito? «Si’, per quanto riguarda l’accesso ai siti istituzionali, come quello, per esempio di Comune, Regione e Provincia. Per tutti gli altri, invece, ci sara’ un prezzo standard ancora da stabilire: ma fara’ premio chi proporra’ il prezzo piu’ basso». Considerato che nei quaranta INTERNET Point di Torino il prezzo orario della navigazione varia da un minimo di due euro a un massimo di cinque e’ facile immaginare che il costo ogni sessanta minuti sara’ inferiore ai 2 euro. \